Nelle canzoni  noi ci amiamo ancora 
nel ritornello  tornerÓ l'amore                                                                                        
                                                           Biz sarkilarda hala birbirimizi severiz
                                          sevgi  nagmelerde  geriye doner 
                                                                                 AMEDEO MINGHI
                                          
 
 
UNA  PAGINA DI   AMORE E  DI   FRATELLANZA  CON LE CANZONI  DI AMEDEO MINGHI   E   CON GLI  INDIMENTICABILI PROTAGONISTI  DELLA  MUSICA  CLASSICA  DELLA  TURCHIA NELLO SCENARIO DELLE ISOLE DEL PRINCIPE  E DEL BOSFORO.
      
                                                                            PER  LE ISOLE   di  ISTANBUL         
                  CON LO SGUARDO DEI PINI                                                                                                                                                       
                                                                                                    UN   OMAGGIO  
             Dedico questa pagina a Burgazada ,una delle piccole e bellissime isole del Principe a Istanbul che  nell'ottobre 2003,a causa di un doloroso incendio ha perduto la metÓ del suo splendido bosco.Si sono incenerite  16  case di epoca  che erano immerse  nel bosco tra cui  anche i palazzetti storici  che erano  costruite di legno in un  rarissimo stile ottomano.  I soccorsi che dovevano arrivare da Istanbul sono stati troppo lenti ed insufficienti per causa di una fortissima  tempesta di scirocco .Le navi,gli aliscafi  e le barche hanno potuto salvare e portare via gli abitanti dell'isola che hanno combattuto contro l'incendio con i loro logori mezzi ,insieme ai soldati,agli uomini della protezione civile e agli abitanti delle isole vicine.
               La popolazione di Burgazada e delle altre isole possiedono un profondo senso di ospitalitÓ e un'infinita gentilezza.Hanno dimostrato queste loro qualitÓ umane anche nel loro tenace modo di affrontare questo terribile evento che ha minacciato  il loro paradiso.
           Non so quanti di quei maestosi pini sono stati distrutti.Ma sono sicura che ricresceranno e diventeranno ancora pi¨ belli di prima ,grazie alla tenacia e forte volontÓ  di questa gente che ha tenuto le isole fino ad oggi  in modo esemplare.La popolazione ha già piantato nuovi alberi che stanno crescendo.
                                     
           Burgazada Ŕ una delle isole pi¨ vicine ad Istanbul che sono considerate le perle del Mar di Marmara.Era l'isola di  uno scrittore turco che si chiamava Sait  Faik . Ed era  la  pi¨ verde tra le altre isole.
           Burgazada. In te sentii  il pi¨ dolce dei venti. In te contemplai  le pi¨ tenere sfumature di mare.Guardai con  occhi da bambina le tue onde che erano simili  ai  milioni di bambini che si giocherellavano tra loro.E in te abbracciai il pi¨ verde dei boschi  cresciuti dentro di me .
           Tu sei  la pupilla di Marmara.Sei sempre bella  nel mio cuore come le tue notti d'estate.
                                                                                                                                                              Muge
                 DIMENTICARTI     MAI     PIU'......!
                Una pagina dedicata ad un albero bruciato Ŕ  dedicata anche a tutti gli alberi che si perdono ogni anno nei vari incendi dei boschi in tutto il mondo.   
                                                              

   

Pubblico   alcuni brani  dei grandissimi compositori  della Musica d'Arte della Turchia  insieme  alle canzoni  di Amedeo Minghi  , il pi¨ grande  cantautore e compositore italiano contemporaneo  ed    un  importante ambasciatore della Musica Italiana all'estero  per poter  esprimere la fratellanza e l'amicizia  tra i due paesi.Ogni musica Ŕ bella nel suo genere.I due tipi di musica ,pur  rivelando molte diversitÓ tra di loro come lo stile e  l'arrangiamento,come il metodo  e la tecnica,come il linguaggio e i versi , hanno una sola  parola comune : L'amore Turk Sanat Muziginin unutulmayan bestecilerine ait  bazi sarkilarin misralarini  , Italyan muziginin en unlu šagdas bestecisi,sarkicisi ve yurt disindaki onemli temsilcisi  Amedeo Minghi'nin sarki sozleriyle birlikte ,iki ulke arasindaki kardesligi ve dostlugu ifede edebilmek gayesiyle yayinliyorum.Her muzik kendi  šapinda,kendi šesidinin šerševesinde guzeldir.Iki cins stil  ve aranjman,metod ve teknik ,dil ve misra yonunden birbirlerinden šok  faklilasma gostermekle beraber ,ortak bir kelimeyi yansitiyorlar:Sevgi ve ask .

 
                              
CUMBA   (Un'antica  casa  in legno con  le finestre  dette "giumba")in una delle Isole di Istanbul

      Una indimenticabile canzone turca dedicata ai verdi pini delle Isole di  Istanbul:
 
      Istanbul adalarinin yesil šamlarina adanmis  bir  turk  muzigi bestesi:                                              

           I    VERDI    PINI   DELL'ISOLA      

                                 

                                                                  Adanin yesil šamlari askimiza yer olsun ..!
                                                                  Askimiza yer olsun..!
                                                                  Ne šare ayirdi felek  kalplerimiz bir olsun!
                                                                  Kalplerimiz bir olsun...!
                                                                  Ipek sašindan bir tel 
                                                                  Bana yadigar olsun
                                                                  Ne šare ayirdi felek kalplerimiz bir olsun
                                                                  Kalplerimiz bir olsun..!
I verdi pini dell'isola
Siano  le dimore del nostro amore...!
Quale  rimedio c'Ŕ se il destino ci separ˛?
 I  nostri cuori  siano insieme ..!
Dammi un filo dei tuoi capelli di seta.!
Che  sia un  ricordo  per me..!
Quale  rimedio c'Ŕ se il destino ci separ˛?
  I nostri cuori  siano insieme ..!
 
 E' una canzone turca  che fu scritta per  un amore vissuto tra  i verdi boschi  delle Isole.  Appartiene ad un  grande compositore turco della musica classica turca che ormai da  anni  non sta pi¨ con noi.Si chiamava SUKRU TUNAR.
 
Adalarin yesil šamlarinda yasanmis asklari  dile getiren ve taninmis  bir bestecimize ait bir sarki. SUKRU TUNAR'in bir bestesi.

                                                                                              
Una canzone di Amedeo Minghi  per un amore che ,nella memoria  tiene ancora i pini meravigliosi dell'Italia:
 
LE VERDI CATTEDRALI DELLA MEMORIA                ANININ    YESIL KATTEDRALLERI
                                                                                 
 
Amedeo Minghi
Sembrava una farfalla                                                              Bir kelebek mi
O un fiore                                                                                     Yoksa bir šišek miydi
Sulle labbra io ricordo il bacio e noi                                       Dudaklarda buseyi animsiyorum ve biz
Ci innamorammo ormai scoperti al cielo                             Asik olmustuk gokyuzune ašilmisšasina
Fu una cattedrale sai                                                                Bir kattedral olup šikmisti  biliyor musun
Furono  mattoni                                                                        Tuglalar olmustu
Memoria dell'amore                                                                 Askin anisi
Alzammo  cattedrali noi.                                                          Katedralleri kaldirmistik biz
Un aquilone memoria di noi                                                     Bizden hatira bir ušurtma
T'amer˛ per ci˛ che scorderai                                                  Sevecegim seni unutacagin hersey išin
Stai con me                                                                               Benimle birlikte ol
Per ci˛ che scorderai                                                                Unutacagin hersey Išin
I pini nel cielo                                                                           Gokyuzundeki šam agašlari
Era alta la luna e poi                                                                 Ay yukselmisti  ve sonra da
Antichi amori  e Dei                                                                   Antik asklar ve tanrilar
Riti perduti in noi                                                                       Bizde kaybolmus ayinler
Io ti rammenter˛ piccolo noce                                                   Seni animsayacagim kušuk ceviz agaci
Una cattedrale memoria dell'amore                                          Askin anisi bir kattedral
Ma non collego il viso tuo                                                          Ama senin yuzunle iletisimi yok
Soffia il tuo nome  poi                                                               Ismini ufle sonra
Dimmi che sei ,t'amer˛                                                              Soyle bana kimsin,sevecegim seni
Per ci˛ che scorderai                                                                 Unutacagin hersey išin
Stai con me                                                                                Benimle birlikte ol
Per ci˛ che scorderai                                                                 Unutacagin hersey išin
I pini nel cielo                                                                            Gokyuzundeki šam agašlari
Era alta la luna e poi                                                                  Ay yukselmisti ve sonra da
Antichi amori e Dei                                                                     Antik asklar ve tanrilar
Riti perduti in noi                                                                        Bizde kaybolmus ayinler
Piccolo noce,io ti rammenter˛                                                   Kušuk ceviz animsayacagim seni
Stai con me                                                                                Benimle kal
Per ci˛ che scorderai.                                                                Unutacagin hersey išin
Sembrava una farfalla                                                                Bir kelebek mi
o un fiore                                                                                    Yoksa bir šišek miydi
Ma  io ricordo il bacio                                                                 Ama buseyi animsiyorum
sulle labbra e poi vol˛ una stella                                                dudaklarda ve sonra  bir yildiz ušmustu
E noi ci innamorammo al cielo...                                                Ve biz asik olmustuk goklerde...
 
                                                   LE VERDI  CATTEDRALI  DELLA MEMORIA
                                                        SARKI  :AMEDEO MINGHI
  E' una canzone scritta dal nostro compositore  contemporaneo   AMEDEO MINGHI per un amore vissuto tra i verdi pini dell'Italia.
   Italya'nin unlu  šagdas bestecisi AMEDEO MINGHI tarafindan  yesil šamlarda  yasanan asklara adanmis bir sarki.
    Sanatšinin   "La vita mia " plak albumunden alinmistir.
                                                                     
                                                                                           
     Proprio in queste pinete  delle Isole  di Istanbul, molti anni fa, io scoprii  la bellezza di questa canzone,ascoltandola sempre con le mie cuffie, dal disco..Quel pomeriggio, un raggio di sole scese gi¨  dai   rami e s'incontr˛ per la prima volta con una nota.E  di verso in verso  io entrai  nella radiositÓ di quell' incontro.Non avevo ancora visto Amedeo Minghi dal vivo.Avevo davanti ai miei occhi  solo un'immagine ,un riflesso biondo.  Mi sorrideva  tra le sfumature luminose di una foto  che sullo sfondo nero della mia memoria non aveva lasciato precisi delineamenti  di sŔ;ma solo un colore captato dal mio sguardo.Un colore chiaro, che forse alla mia insaputa si era giÓ simpatizzato  con i miei occhi. E la mia nebbiosa memoria si accese .Gli dissi dentro di me semplicemente  :"Vieni fuori dallo specchio nascosto  dei miei occhi.!Dove sei?Vieni sotto i riflettori ! Dimmi chi sei e dimmi dove io posso vederti cantare dal vivo?"Ma la sua voce mi raggiunse solo da lontano,cantando e disegnando davanti a me con i pini delle isole un verde destino ,un sentiero musicale che negli anni successivi non mi avrebbe pi¨ abbandonato.Ma io non ne sapevo ancora nulla.
     Nella vita i  pi¨  bei momenti  musicali sono proprio questi .I primi attimi con cui un cantautore raggiunge la nostra dimensione  interiore con le  prime splendide parole di una canzone........ "Sembrava una farfalla o un fiore....." E  con la sua prima foto su cui ogni giorno continua ad accendere la sua prima sigaretta  davanti agli sguardi  che sognano di vederlo un giorno  dal vivo. Da quei boschi dell'isola  mi Ŕ rimasto, come ricordo ,quel mio pomeriggio con "Le verdi cattedrali della memoria "ascoltata da un disco e con la mia anima che,appesa  alle ruote di una carrozzella trainata dai cavalli bianchi , vol˛ tra le cime dei pini .E fu una delle giornate indimenticabile per me ,pur passando in modo semplice. 
     E'  difficile trovare le parole che possano descrivere una canzone  ,mentre la ascoltiamo.Ognuno la interpreterÓ  secondo il proprio ascolto e a modo suo.A mio parere non si pu˛ giudicare una canzone. .La canzone Ŕ un fiore,il candore,la limpidezza .Non si pu˛  giudicare un fiore ,il candore oppure la limpidezza invisibile che solo Ŕ visibile all'anima.Si pu˛ cercare di esprimere solo il sentimento che ci lascia nel cuore.Ma se io dico che, quel giorno ,mentre ascoltavo "Le  verdi cattedrali della memoria ",la mia anima appesa alle ruote di una carrozzella trainata dai cavalli bianchi,vol˛ tra i pini,voglio dire che la canzone Ŕ BELLISSIMA!!!..Possiede una rara bellezza.
          
La pineta dell'Isola  Grande
   
Quando ascolto  "Le verdi cattedrali della memoria  mi  fa rivivere l'attimo che ama con un tempo futuro,pur sapendo giÓ che  il futuro esisterÓ solo nella memoria di un passato remoto ."Ti amer˛" si ripeterÓ eternamente con la stessa intensitÓ  di quelll'amore che  fu giÓ scordato da chi  sarÓ amato per sempre.E  per chi amerÓ ,nella propria dimensione,  i pini nel cielo non lo dimenticheranno nel tempo della canzone. .E gli aghi dei pini giureranno a ricordarlo in ogni primavera,pungendo il cuore,ogni volta che sarÓ alta la luna  . Ogni volta che volerÓ una farfalla o un fiore nello spazio delle note .E salirÓ la cattedrale nella memoria di canzone in canzone. 
    Il punto che mi emoziona di pi¨ nel testo di questa canzone Ŕ questo:Abbraccia l'attimo dell'amore con  tre tempi ben diversi:Il passato ,il presente e il futuro.Richiama l'amore dal passato.Dice :"Ci innamorammo ormai scoperti al cielo".E l'amore riappare nell'attimo in cui viene scoperto al cielo.E riappare ,fiorisce  con la stessa passione con cui credeva e crede ancora di continuare ad amare anche nel  futuro ,pur sapendo che  quel futuro sarebbe giÓ immerso,come i fiori appassiti   nel passato di chi scord˛ quell'amore. Ma il miracolo che crea la canzone Ŕ proprio questo.Fa rifiorire i fiori appassiti per sempre e ripete che continueranno a fiorire anche in futuro,ogni volta che si ascolta la canzone.E sý ...Ŕ proprio vero ,quando si dice "Noi ,nelle canzoni ci amiamo ancora";perchŔ l'amore nella canzone mescola ed unisce i tempi  e poi canta il tempo suo.
    Il testo Ŕ  bellissimo ;ma  chi  dÓ  l'intensitÓ ,una profonda sensibilitÓ, e l'anima  a questo testo Ŕ proprio Amedeo Minghi  con la sua  bellissima musica e con una meravigliosa interpretazione molto sentita nel cuore.. 
   Una canzone d' amore vissuta tra i pini  Ŕ  per tutte le canzoni degli amori  vissuti  tra tutti i pini verdi  del mondo.
 
                                                                                                         

                                                                                                       
La terrazza del Palazzo Ciragan sul Bosforo -Istanbul
                                                                                                  
 
Bu koseyi  unutulmaz  Klasik Turk sanat muzigi bestecisi  YESARI  ASIM   ARSOY'un sarkilarindan sešilmis misralara   ayiriyorum  :
   In questo  angolo pubblico alcuni versi  delle canzoni di un indimenticabile compositore della musica classica turca YESARI  ASIM   ARSOY  che visse tra  il  1892 e 1992.Suonava il liuto con la mano sinistra.Cominci˛ a comporre nel 1929 con un stile particolare con cui si distinse da altri compositori.Si dedic˛ esclusivamente alle canzoni d'amore che raccontano piuttosto gli amori vissuti nelle Isole di Istanbul e nel Bosforo.I testi erano scritti in genere come le piccole quartine e contenevano solo l'essenziale :Quello che un innamorato vorrebbe dire all'amata con una forte passione in un momento di nostalgia.Sono piene dell'amore per la vita,per la giovinezza .Esprimano   spesso il profondo desiderio di afferrare la vita e la giovinezza come la bella stagione dell'esistenza e di godersi di tutto ci˛ che gli attimi belli ci offrono. Registr˛ alcuni dei  suoi brani sui dischi con la propria voce ;ma malgrado le grandi richieste dei suoi ammiratori ,non cant˛  mai davanti al pubblico.Lo considero il pi¨ grande maestro della musica classica turca .E' indimenticabile come il pi¨ caro maestro e il padre  degli appassionati e degli esecutori della musica del mio paese.I suoi brani vengono ricordati e cantati  con un profondo senso di rispetto dagli interpreti turchi ,perchŔ sono pi¨ che mai attuali come la composizione e come i temi.
                                                                          
                                           L'AURORA TRA I  PINI
  "  Nel mio cuore sei calata                                                                      Camlarda safak rengi gibi
      Come il colore dell'aurora tra i pini.                                                   Gonlume aktin.
      Hai incendiato la mia anima                                                                 Bir nuru-nigahinla benim 
      Con una luce dei tuoi occhi .                                                               Ruhumu yaktin.                                                         
      
     
      Ma perchŔ da me sei cosý lontana ?                                                 Lakin guzelim  soyle nišin                                          
      Mia bella dimmi .                                                                                     Benden uzaksin?
      Hai incendiato la mia anima                                                                Bir nur-i nigahinla benim
      Con una luce dei tuoi occhi.                                                               Ruhumu yaktin ."
 
                                                      E' IL TEMPO  DI AMARE
    "   I tuoi capelli spettinati                                                                       Perisan sašlarin
       Sono come la rete del  mio amore                                                   Askimin agidir
       I suoi fili sottili sottili                                                                            Incecik telleri
       Sono i  legami del mio cuore.                                                            Kalbimin bagidir.
 
       Vieni,mia rosa ,non fuggire, vieni!                                                   Gel gulum kašma gel
       E 'il tempo di amare                                                                             Sevismek šagidir
       I fili dei tuoi ciuffi                                                                                  Zulfunun telleri                                                                                 
       Sono i legami del mio cuore.                                                             Kalbimin bagidir.
      
       Prima che  questa stagione passi via                                            Bu mevsim gešmeden
       Prima che questo universo finisca                                                 Bu alem bitmeden
       Pensa al piacere ,divertendosi                                                         Eylenip zevke bak
       Prima che la notte finisca                                                                  Sebabet bitmeden
 
       Prima di dire addio per sempre                                                        En guzel demlere  
       Agli attimi pi¨ belli                                                                                Elveda etmeden
       Divertiti !  Pensa, al piacere!                                                               Eylenip zevke bak
       Prima che la notte  termini .                                                                Sebabet bitmeden. 
                                                               
        Vieni.....!.Vieni......!                                                                                Gel.....gel..........
       Mio tesoro,mio amore,mia primavera                                             Baharim,tezarim,nigarim
       Non andare via......!                                                                              Gitme.....!
       Vieni......!                                                                                                  Gel.....!
 
                  NON  MI  HAI MAI AMATO ?                                              HIC MI BENI SEVMEDIN?
 
      "Ti ho aspettato ...non sei venuta.                                                   Bekledim de gelmedin 
        Non hai saputo  che ti amavo                                                         Sevdigimi bilmedin
        Non hai cancellato la mia lacrima                                                  Gozyasimi silmedin
        Forse mai mi hai amato?                                                                  Hiš mi beni sevmedin?
       
        Dimmi  ,dimmi...non mi hai mai amato?                                         Soyle..soyle...Hiš mi beni sevmedin?
        Dimmi,dimmi ...non mi hai mai amato?
        
        Dammi un bacio... !                                                                             Bir busecik ver bana..!
        Ti prego,                                                                                                Yalvariyorum  sana
        Stringimi..!                                                                                             Beni kucaklasana..!
        E  tra le tue braccia  prendimi...!                                                       Kollarina alsana..!
 
       Dimmi dimmi ...Non mi hai mai amato?                                           Soyle ..soyle hiš mi beni sevmedin?
       Dimmi..dimmi ...Non mi hai mai amato?                                          Soyle..soyle ..hiš mi beni sevmedin ?"
 
 
                                                       RICORDATI DI ME ,MIA BELLA
       Ti attendo sulle rive dell'isola.                                                          Ada sahillerinde bekliyorum
       Sempre tengo d'occhio le strade che ti riporteranno da me    Herzaman yollarini gozluyorum
       Amore mio ti  amo,ti voglio,                                                               Seni senden seviyor istiyorum
       Ricordati di me ,per amor tuo,mia bella.                                         Beni sadet guzelim bÓsin išin
 
       Dove sono quelle  lilla profumate                                                     Nerede o mis gibi leylaklar
       Stanno per ingiallire ed appassire le foglie.                                  Sararip solmak uzre yapraklar
       Quando diventeranno una dimora per me le terre.                     Bana mesken olunca topraklar
       Ricordati di me,per amor tuo,mia bella.                                          Beni sadet guzelim bÓsin išin. 
                                        
                                        Altri  versi  dalle sue canzoni:
 "   S'infiamma  la  mia penna  ogni sera mentre suono  per il tuo amore."
 
 "Gli anni non possono tirare davanti al mio amore una tenda di  ribellione."                                   
                                                                                                                                      
                                                                                                                                         YESARI  ASIM ARSOY
 
YESARI  ASIM ARSOY  lasci˛ la vita nel 1992  ,quando compý  cent'anni di etÓ.Noi,i cittadini turchi , ci ricorderemo di lui  sempre con un grande affetto e rispetto .  E' sempre tra noi  con la sua musica  come il simbolo di una giovinezza che mai si spegnerÓ.  
1992  senesinde ,yuz yasinda  yasama  veda eden ,ama sonmez bir genšligin ve hayatin sembolu gibi ,muzigi ile  herzaman aramizda olan   YESARI ASIM ARSOY'u  daima saygi ve sevgi  ile anacagiz .
                                                                                                        
     

       
Nel  mondo ci sono i luoghi ed alcuni  piccoli angoli ai quali vorremmo sempre tornare.Anche dopo aver visitato le cittÓ pi¨ belle del mondo,una sola cittÓ o un solo luogo non si distacca mai dal nostro cuore.Accarezza la nostra memoria con una tenerezza indimenticabile .Il suo vento rimane sempre vivo sulla nostra pelle e il nostro corpo sente il bisogno del suo mare..I suoi occhi si rinnovano negli occhi pi¨ amati .Giriamo.... giriamo  e torniamo  di nuovo a quel luogo e in quel luogo si uniscono in armonia tutte le particelle della nostra vita .In quel posto cerchiamo di ricostruire i frammenti della nostra esistenza .Quel luogo non diventa mai il nostro,ma non si separa mai da noi.Il vecchio e il nuovo s'incatenano lÓ e quella meravigliosa unione ci dÓ un senso di completezza.Vorremmo legare tutto il mondo a  quella cittÓ. Tutti i fiumi che scorrono dentro di noi inevitabilmente finiscono lÓ,in quel mare.
                                                                                                         
     Ecco ...Istanbul con le sue isole e con il suo mare per me Ŕ una cittÓ cosý...Vorrei  descriverla con  i suoi sontuosi palazzi  ,con le sue moschee e le sue chiese , con i  suoi musei ,con i suoi monumenti e con  i meravigliosi dettagli della sua arte ottomana e dell'arte bisantina ,con le sue cisterne rimaste dai tempi dei romani e con il suo gran bazar interminabile...Ma  Ŕ un tema cosý vasto che non entrerebbe entro gli schemi del mio sito che Ŕ un sito di musica e di poesia ed Ŕ dedicato specificamente ad Amedeo Minghi.Perci˛,lasciando quei  temi ai specialisti della storia dell'arte e del turismo,io  te ne parler˛ solo con i suoi piccoli angoli suggestivi  che forse non tutti conoscono ;ma che sono stati i luoghi cari per me e forse anche per tanti altri  che hanno amato .E te ne parler˛ con i sentimenti ;perchŔ i sentimenti sono universali.
    E i sentimenti che questa cittÓ  potrebbe suscitare nell'anima di chi la conosce bene, li racconta anche  un poeta che si chiama Konstantin Kavafis ,un poeta greco,neoellenico (che ha le origini di Istanbul.)con una sua poesia che io ho letto in lingua turca e la traduco in italiano :
   
 NŔ un  nuovo paese                                                          Yeni bir ulke                                                                                                    
          NŔ un'altra cittÓ troverai                                                     baska bir sehir bulamazsin
                   Ti verrÓ dietro questa cittÓ                                                      Bu sehir arkandan gelecek
                     Ancora per la stessa via girerai                                                Sen yine ayni sokakta dolasacaksin
                     Per lo stesso quartiere correrai                                                  Ayni mahallede kosacaksin
 NŔ un nuovo paese                                                             Yeni bir ulke
           NŔ un'altro mare troverai                                                      baska bir deniz bulamazsin
                            Ti verrÓ dietro questa cittÓ                                                      Bu sehir arkandan gelecek
                                   Nella stessa casa ti cadranno i bianchi sui capelli                      Ayni evde kir dusecek sašlarina
                                   Girando girando tornerai a questa cittÓ.                                     Donup dolasip bu sehre geleceksin
                                   Ci verrai alla fine.                                                                        Geleceksin sonunda
 Non sperare un'altra cosa ...                                               Baska bir sey umma...
 Non sperare altro...                                                             Baska sey umma...
                                                     KONSTANTIN KAVAFIS ( visse tra 1863-  e  1933 )   
                                                                                                                     Guardate Istanbul anche con gli occhi dei  poeti

      E  a  chi possa capirmi da vicino o da lontano,dallo spazio o dall'oltrespazio ,dal tempo o dall'aldila del tempo,dalla musica e dalla poesia  ....a te che puoi capirmi....a te che leggi ancora con silenziosa fedeltÓ quelllo che scrivo, ti racconto un'isola  che Ŕ per tutte le isole del mondo e tutte le isole sono per un'isola :La musica.
   Se usciremo insieme cosý
    dalla prigionia dell'anima
   da ogni  disegno logico, 
   dai confini,
   senza  ritenere i sentimenti  
   come i pezzi  dei mosaici
   fatalmente destinati  a fare e disfare
   uno schermo 
   traforato  dai  giudizi ,
   senza schedare i sogni
   nel  burrone dell' indifferenza,  
    nella candela della bugia
   di chi finge di stare
   di  notte
   di   giorno
   con i piedi  incollati al suolo.
   E se  anche tu hai un'isola , forse
   le nostre isole ,
   pur non potendo unirsi,
   galleggeranno
   per un p˛
   insieme
   sullo stesso mare.
                                                             Muge
    L'amore Ŕ universale.
                                                                                                                                      
                                                                                                                 
La barca allegra al tramonto
     
 
    Mentre torno dalle isole ,ascoltando  le pi¨ belle canzoni di  Amedeo   nel battello ,ogni sera , nella  stessa ora passa dai raggi del tramonto una barca allegra,ornata con  ciambelle in rosso ,con piccole bandiere turche rosse e bianche.Ogni sera puntualmente c'incontriamo su uno stesso raggio di sole.La barca Ŕ bianca e ha le strisce in rosso . Come la barca,anche la sua musica Ŕ allegra.Suona ad alto volume una canzone turca.Dondola nella sua ebbrezza di mare come un piccolo gabbiano bianco che porta un fazzolettino rosso intorno al collo..Va verso la direzione opposta .Torna alle isole dalle rive di Istanbul.Io , nel mio solito fedele battello ,ascolto,la  musica  italiana  ,ascolto  Amedeo ,invece la barca turca ascolta la musica turca.Le due musiche gioiosamente s'incontrano e ,si salutano amichevolmente anche se hanno un percorso diverso.E io mi meraviglio di quella strana coincidenza che avviene tutti i giorni davanti al tramonto ,tra i colori del mare che come le note delle musiche passano da una sfumatura all'altra.Il sole ,con i suoi ultimi raggi,bacia le note delle due musiche come una madre che bacia i suoi due figli. 
     "Cosý sei tu...al mondo tu....sei il mio bene ...sei dolore...nessun amai come amo te..nessun avr˛ cosý vicino ".dice           AM ED EO
      "Nessun pu˛ amarti come ti amo io.... se non ci fossi tu...che senso avrebbe questo mondo ?Ogni giorno penso a te..Ogni giorno vivo te...Non ho paura di amarti,ma di perderti ho paura ...Non dimenticarmi un giorno  per qualcun'altro .!!! Se hai un p˛ d'amore,non lasciarmi solo !..."dice  la canzone turca.
     Le due musiche ,tra loro,non hanno nessuna assomiglianza,nŔ come linguaggio,nŔ come stile.Ognuna delle due ha un genere diverso  e ognuna Ŕ bellissima nel suo genere.Ma  tutte e due appartengono al Mediterraneo e hanno solo un punto di incontro che splende tra i raggi del sole:L'AMORE  Eppure le due canzoni non sanno nulla dell'una e l'altra.Senza conoscersi s'incontrano e si salutano  tra loro con l'amicizia.Lo sa soltanto  il sole.Lo so soltanto io.
 
Il sole ha la mia solitudine .
Io ho la solitudine del sole.
Il sole non ha  confini. 
Io dentro di me
non ho confini.
E chi non ha confini
Ŕ solo.
 
                  
 
La barca  allegra nell'Isola Kinaliada

     
    Ascoltare le canzoni di Amedeo nel battello sotto il cielo stellato Ŕ come aprirsi ad un'immensitÓ dove tutti coloro che sono vicini e lontani si confondono e perdono le loro distanze. .Forse Amedeo ,in quei momenti mi Ŕ pi¨ vicino con la sua voce che mi raggiunge dalle stelle e dalle acque scure che cercano con nostalgia le luci.Lo sento molto pi¨ vicino in confronto ad altri momenti dei concerti  dove  tra la folla sono solo una briciola perduta nel fiume luminoso.Ma qui sul mar di Marmara mi riappare di nuovo come il poeta immerso nel mare  per raccogliere i versi pi¨ belli,i rami di corallo,le collane di conchiglie.Lo rivedo in mezzo al mare navigare con il suo pianoforte,Mi passa vicino.Sfiora  qualche onda che  si muove ,danzando ,come qualche angelo notturno che sparge mille pietrine di luci intorno a noi.
   Le  isole del Principe ad Istanbul con le sue luci splendono come quattro diamanti che nuotano sul mare scuro.Se guardo da una certa altezza mi sembra di poterle toccare con la mano e  di raccoglierle .E le coste asiatiche di Istanbul  davanti a  me si allungano come una collana piena di pietre preziose.Di notte intorno a me vedo solo pochi passeggeri e tutti in silenzio contemplano il panorama  con un profondo senso di rispetto .Guardando le cuffie che tappano i miei orecchi  forse si domandono e pensano:"ChissÓ quale musica sta ascoltando questa straniera"? Le cuffie in quel momento mi ricordano  le frontiere e le porte chiuse o le mura che mi dividono  da quei viaggiatori.E per un attimo penso:"Se non esistessero le cuffie  e tutti quanti sentissero questa musica.Se cadessero le pareti....! Se tutti la sentissero...! " Il pubblico ,a volte,sta solo a due passi da me.Ma non sa ancora che musica sto ascoltando.Che strana sensazione mi crea a  volte tutto questo !
       Amedeo Ŕ cosý vicino a quel viaggiatore in quel momento,pur vivendo cosý lontano! Il viaggiatore Ŕ cosý vicino ad Amedeo senza saperlo..Eppure i popoli sono cosý  ,spesso sono cosý vicini e non lo sanno.

                            
 E'dedicato ad Amedeo  dall'anima  del Mar di   Marmara  come un fiore,come un pensiero del mio giardino di Istanbul:
 
                                                         IL FIORE  DELL'OMBRA                 
                                      
                                Ti  sono cosý vicina 
                                             E sono cosý lontana                                                                                                                                          
                                   Come il viaggiatore dell'anima,
                                             Come la stella che hai nel cielo.
 
                                                Come il fiore dell'ombra 
                                                               Sono lontana
                                                 Come il fiore al sole
                                       Ti sono vicina.
                                                                                                      
                         Sei cosý in me                                                             
                            Come il mio vento,il mio sole                              
                                     Sei nei miei occhi                                                     
                                             Come il mio stesso blu.                                                                    
                                       Condividiamo lo stesso orizzonte                                                                                 
                                        Dove una luce mai si spegne
                                                                                                                                          
                                                                  Da te   viene                                                                     
                                                                  Il raggio  che ti invio                                                         
                                                                 Viene da te e torna da te                                                   
                                                                  Come il primo sorriso di un fiore                                                       
                                                                   Al sole.  
                                                                            
                            Come il  fiore dell'ombra                                                                                                           
                                         Sono lontana                                                                                         
                                              Come un fiore al sole
                               Ti sono vicina.
                                                                            Muge
                                                                                                                                Sana oylesine yakinim
                                                                                                                                            Ve oylesine uzak
                                                                                                                                         Ruhun yolcusu gibi
                                                                                                                                                  Gokteki yildizin gibi
 
                                                                                                                                                               Golgede šišek gibi
                                                                                                                                                                                   Sana uzakim
                                                                                                                                                                Gunesteki šišek gibi
                                                                                                                                                                           Sana yakinim.
 
                                                                                                                                                                Bende oylesin ki
                                                                                                                                                                 Ruzgarim gunesim gibi
                                                                                                                                                                 Gozlerimdesin
                                                                                                                                                                  Kendi maviligim gibi.
 
                                                                                                                                                                  Ayni ufku paylasiriz
                                                                                                                                                                  Sonmez bir  yol var  seyrimizde
                                                                                                                                  Senden gelir
                                                                                                                                  Sana yolladigim isik
                                                                                                                                  Senden gelir sana doner
                                                                                                                                   Bir šišegin tebessumu gibi ilk
                                                                                                                                   Gunese.
                                                                 Golgedeki šišek gibi
                                                                  Sana uzakim
                                                                  Gunesteki šišek gibi
                                                                  Sana yakinim.
                                                                                                                                                                           Muge

 
              
 
La spiaggia dell'Isola  Kinaliada

  Le lunghe  spiagge  naturali   ,le spiagge libere di ciotoli e sassi tra cui l'acqua traspare tra le sfumature dell'azzurro intenso ,del verde dei boschi e del grigio perlaceo secondo le stagioni ,il luogo, e  le ore della giornata.Le piccole baia di sabbia nascoste in mezzo alle pinete,e tra le pinete le antiche case di legno restaurate che vivono ancora i sogni del passato . Poi il suono dei campanellini  che si sentono come un dolce tintinnio ,dalle carrozzelle trainate dai cavalli che sfiorano i giardini romantici delle case  .Un atmosfera che ci fa rivivere la fine dell'800.Ecco...sono cosý le isole di Istanbul che sono chiamate anche le ISOLE DEL PRINCIPE .I boschi e le grandi aeree sono adatte a fare il picnic oppure il tuor pi¨ romantico del mondo con le carrozzelle.
     Le grandi ville in  legno che una volta venivano chiamate "Konak" , o "kosck"nei tempi dei  grandi pascia che erano gli alti funzionari  della corte imperiale e che vivevano in queste grandissimi edifici di legno .Tutti sono dipinti in rosa ,bianco o verde simili alle dolci caramelle e con ornamenti che sembrano merletti   o disegni di pizzo intorno alle finestre.I  KONAK  una volta contenevano anche 40 stanze dove alloggiavano i numerossimi componenti di una famiglia ,compresi i loro nonni ,gli zii,le zie ,i nipoti ,i cugini e una  grande servit¨.Erano come i sontuosi alberghi di oggi.Ed erano  governati  dalla donna pi¨ anziana della famiglia.   
                                                                                                                   
    Molti compositori,poeti e scrittori turchi vissero  e scrissero le loro pi¨ grandi opere proprio in queste isole.E chissÓ quante poesie saranno scritte per quegli sguardi languidi che il poeta sognava di vedere?    Quante canzoni  per quei bei visi nascosti dietro i veli di color albicocca nei tempi in cui le donne non erano libere come oggi. .E mi domando "Ma forse con i loro amori cosý misteriosi  facevano sognare anche  di pi¨ gli uomini.?"E quante canzoni saranno state cantate dalle gente seduta su quei lunghi divani  con i cuscini che arredavano le case di quell'epoca in stile turco.
     Come avrÓ scritto quel compositore turco quella canzone ? 
     "Che il tempo voli
       come  un vento 
       e che scorri
       come l'acqua ...!
       Tu rimarrai 
       come un colore
        nei miei occhi,
       come una voce
       nei miei orecchi
       e come un respiro
       dentro di me".
 
                                                 
 
    Quando arrivo qui ,mi coglie la sensazione che in quel  breve tratto di viaggio fosse cambiato il tempo e che io fossi entrata in un'altra epoca  oppure in una dimensione fuori del tempo..Il tempo rimane nel continente.Mi sorprende questo interessante contrasto che esiste tra i maestosi grattacieli di Istanbul immersi nella loro contemporaneitÓ caotica e gli stili di architettura delle isole  che nei secoli scorsi erano i grandi esempi dell'arte islamica ,ottomana e greca.Sono i frutti di un'unione tra i diversi  stili di architettura. Quando passeggio di sera tra quelle piccole e belle case di legno che circondano  le strade silenziose ,penso chissÓ  quante vecchie storie d'amore quelle splendide finestre vissero.
                            
    L'amore ha la propria storia e lo vive nel mondo interiore dei loro protagonisti , dissociandosi da ogni storia visibile agli occhi che lo guardano dall'esterno.Nelle epoche  passate tanti amori erano vissuti in condizioni difficili . Ad esempio  nel mondo ottomano dei secoli scorsi  i protagonisti dell'amore non erano molto liberi e non potevano nemmeno incontrarsi .Lui  ,chissÓ quanto la amava e come attendeva davanti alle finestre di lei con la speranza di vedere anche solo il suo sguardo e senza sapere nulla di lei..!Quante serenate scriveva  componeva per lei! E lei a volte accendeva anche semplicemente una lampadina alla finestra  per poter dirgli  che il suo amore continuava.Lui se vedeva la lampada accesa ,capiva che la sua storia d'amore durava ancora e anche nelle guerre resisteva alla morte ,sognando quella lampada accesa. E si amavano senza sapere nulla dell'uno e l'altro.Ma eppure quella era una storia d'amore.PerchŔ c'era il sentimento che creava da sŔ il suo cammino.PerchŔ l'amore Ŕ un sentimento  talmente forte che scrive e vive da sŔ la sua storia .L'innamoramento non ha l'epoca e in ogni epoca vive semplicemente se stessa.
                                                                                      
                                        
Ed ascolto questa canzone di Amedeo Minghi che mi fa rivivere un meraviglioso attimo in cui  c'Ŕ ancora lei che non si sveglia al richiamo del  poeta  .Il mare ,le barche  ,Lui la sogna ,la attende  , la ama e non sa nulla di lei.Ancora un altro brano di rarissima  bellezza che renderebbe invana ogni mia parola davanti alla sua intensitÓ  e all'emozione che mi dÓ:  LA  SERENATA
                                   
  
                      
 
      
                                              
I

 (  ......... Capisco tutto di te e non so nulla di te. Sciocco mare       ( ......Sen olan  herseyi anlarim hišbirsey bilmem seninle ilgili
      se li goda lui gli amari  e naufraghi dispersi                             Budala deniz.O šikarsin aci ve batip kaybolmus asklarin tadini
      amori.Io non muoio se non vedo te che non ti svegli            Ben olmem seni gormezsem eger ,uyanmayan seni...
      ma togli il sonno anche alle barche ed io                                  kayiklara bile uykular kaširtan seni...
      come un'ancora il cuore mio l'ho perso in te.                          Ve ben bir šipa gibi sende kaybettim kalbimi.                              
      E qui parlo d'amore con me parlo d'amore con                        Burada asktan soz ederim kendimle 
      me.Mi fai sentire cosý.....                                                                  Bana  hissettirirsin boylesini ....
      Che qui parlo d'amore con me solo e lontano da                    Yalniz ve uzakta  kendi kendimle asktan soz ederim
       qui.Mi fai sentire cosý.                                                                     burada .Bana kendimi boyle hissettirirsin.
       che solo per compagnia parlo d'amore con me.                    Bana eslik etsin diye asktan soz ederim kendimle.
       E cosý non finiremo mai  e i giorni passano  ma                     ve bunun sonu yok ,gunler gešiyor,ama
       non la notte nella quale stai dormendo ed io                            senin uykuda oldugun bu gece  gešmiyor ve ben
      lotto coi sogni tuoi che tu pi¨ accesi crei,scesi a                    šarpisirim senin  isigini yaktigin o ruyalarla, ki inmisler
      dirmi  che non ci sei...(Ma )Devi dirmelo tu.                               bana diyorlar ki  sen yokmussun...(Ama)bana sen soyle bunu 
      ...Mi piacerebbe vedere te piena di sonno che                         Isterdim ki  uykulu  gozlerle  goreyim seni
     vieni a dirmi  che non ci sei,ci crederei.Ma qui                           gelip bana diyesin ki yoksun,inanirdim.Ama burada
      parlo d'amore con me  parlo d'amore con me.Mi                      kendi kendimle asktan soz ederim
      fai sentire cosý.Che qui parlo d'amore con me                          Bana boylesini  hissettirirsin.Asktan soz ederim kendimle
      solo e lontano da qui.Mi fai sentire cosý che solo                     yanliz ve buradan uzak.Bana kendimi oyle hissettirirsin ki
      per compagnia parlo d'amore con me....)                                   bana eslik etsin diye asktan soz ederim kendimle ....)   
     
 
                          SERENATA  di AMEDEO MINGHI
      AMEDEO MINGHI 'nin "SERENATA  isimli sarkisinin sozlerinden alinmistir.Sarkinin tum metini  bu sitonun "sarkilar" sayfasinda tercumesiyle birlikte daha once yayinlanmistir. 
  Il testo Ŕ stato pubblicato solo parzialmente ,perchŔ l'intera  versione prese giÓ posto sulle pagine delle "canzoni"preparate precedentemente su questo sito.
                                                               
     
    Le grandi ville in legno a Buyukada (Isola Grande) L'architettura degli inizi del ventesimo secolo.

 Penso ai  personaggi  di quelle canzoni vecchie.Immagino i loro sguardi che   stanno ancora a guardare le strade vuote .Mi sento come se fossi stata pure io uno di quei personaggi e che avessi sofferto per amore negli inizi del ventesimo secolo.Mi domando che cosa sto cercando in quelle strade?Forse i passi di qualcuno che sta ancora camminando tra i sentieri della pineta?Qualcuno che visse giÓ lÓ?Forse oltre il tempo?Invece il tempo mi passa vicino con una carrozzella in cui ci sono due giovani innamorati .Probabilmente  come tanti altri stanno andando a perdersi nella grandissima pineta dell'isola.I balconcini delle case si aprono ancora teneramente  ai fiori inebrianti detti "Il piacere della sera" che nelle cittÓ stanno scomparendo sempre di pi¨.A volte anche i fiori sono come le generazioni...Anche loro cambiano  il tempo e l'epoca.Forse scompaiono insieme alle delicate mani di un mondo femminile che diede l'acqua a loro nei tempi passati.
    Una canzone che mi ricorda quei tempi  e quelli amori  vissuti  con i versi di un compositore  turco che la dedic˛ ad una donna che lui descriveva come un fiore bianco dei suoi anni pi¨ belli:
 
"Come passarono senza che  me ne accorgessi                       Nasil gešti habersiz
 quei miei anni pi¨ belli ...!                                                                  O guzelim yillarim...!
Ci fu talvolta una lacrima...                                                                 Bazan gozyasi oldu,
E talvolta una canzone nel cuore.                                                   Bazan išli bir sarki.
Mi ricordo di tutto, di ogni suo attimo                                             Her anini eksiksiz
come se fosse ieri.                                                                               Dun gibi hatirlarim
Il suo sale Ŕ  sulle mie labbra                                                            Dudaklarimda tuzu
e il tuo amore  Ŕ dentro me.                                                               Išimde durur askin.
Dove sono andati quei fiori con i quali                                           Hani o sašlarina
io incoronavo i tuoi capelli?                                                              Taš yaptigim šišekler?
Dove Ŕ rimasto il ruscello delle cerbiatte con occhi belli?        Hani o guzel gozlu ceylanlarin pinari? 
Dove sono gli alberi e gli uccelli?                                                    Hani kuslar agašlar?
I fiori con mille colori?                                                                         Binbir renkli šišekler?
E dov'Ŕ la primavera che afferrai                                                      Nasil yaklamistim 
tra i tuoi capelli...!                                                                                  Sašlarindan bahari...!
Io vivo ancora                                                                                        Ben hala o gunleri 
Se mi ricordo di quei giorni.                                                               Anarsam yasiyorum
come se ritornasse da me                                                                  Sanki mutlulugumuz
la nostra felicitÓ.                                                                                    Geri gelecek gibi
Porto ancora nel mio cuore                                                               Hala guzelligini
 la tua bellezza                                                                                      Kalbimde tasiyorum
 Eri come un fiore bianco                                                                   Dalindan koparilmis
appena staccato dal suo ramo.                                                        Beyaz bir šišek gibi .                                                                                           
I fiori che qui chiamano "Il piacere della sera ",perchŔ aprono i  loro petali solo dopo il tramonto ,rimanendo svegli per tutta la notte,facendoci   una serenata  con il loro profumi inebrianti.Poi si richiudono con la luce del mattino.Sono  molto diffusi  in queste isole. 
                                                                
                                             
                             
         
     Qui non ci sono i veicoli a motore ...Gli abitanti dell'isola per mantenere l'equilibrio naturale ,  il bene e i lati caratteristici delle isole non permettono di far entrare qui  le macchine.Ci si viaggia solo in bicicletta,con  le barche oppure con la carrozzelle.Ma nella prima Isola che si chiama Kinaliada non ci sono le carrozzelle;perchŔ le lunghe spiagge e le passeggiate pi¨ strette di quest'isola permottono solo un cammino a piedi o la bicicletta Cosý  almeno gli abitanti dell'isola risparmiano i soldi  che debbono spendere per le macchine.Vivono nell'aria pulita. Andando a piedi in genere dovunque  ,camminano e si muovono molto.Cosý sono pi¨ sani.
   E non  si sente  nemmeno  il bisogno di tanto abbigliamento..Un paio di pantaloncino corto,qualche maglietta, un jeans e un golfino per le serate fresche bastano .
        Il tipico pantoloncino simile ad una bermuda Ŕ stato adottato dalla maggior parte delle donne di quest'isola e delle donne di Istanbul senza distinzione di etÓ.Sono molto moderne, aperte e simpatiche.Nei caffŔ conversano subito con altre donne sedute in altri tavoli.Prendono spesso il tŔ e mangiano tanti dolci e i prodotti della pasticceria che sono ottimi in queste isole.Il mondo femminile Ŕ molto dolce ad Istanbul.
       Soprattutto le donne delle isole sono cordiali,sorridenti,dinamiche ed ottime nuotatrici.       
      E un tŔ turco e denso accompagnato dai buoni dolci che sono le specialitÓ del luogo e le tisane che si prende nei modesti caffŔ vicino al porticciolo,mi scaldano il cuore con un  senso di felicitÓ nel fresco vento della sera e legano molte amicizie.Se qualcuno vi offre un bicchierino di tŔ denso ,questo Ŕ il segno della sua  cordialitÓ e della sua amicizia.Le isole sono per coloro che amano il romanticismo ,la natura,la poesia,il silenzio,la semplicitÓ e l'atmosfera  delle epoche passate.E sono per coloro che hanno incontrato veramente l'amore.
 
 
                                                                                                                                    
 Una antica casa in legno che porta  lo  stile ottomano

            Gli abitanti dell'isola sono composti maggiormente dai turchi e dai greci..In queste isole le chiese , le moschee e  le sinagoghe si trovano insieme e sono anche vicinissime.Forse sono gli unici posti del mondo dove i luoghi di culto appartenenti alle tre grandi religioni si trovano cosý vicine;perchŔ le isole sono molto piccole..Soprattutto L'isola Burgazada sembra una bella miniatura.Qui le culture di religioni diverse vivono in una meravigliosa armonia e in un'apprezzabile fratellanza.Ognuno rispetta il linguaggio,l'identitÓ e le usanze dell'altro.Offrono  questo meraviglioso esempio  di accordo,di rispetto,di amore e di amicizia che dura da tantissimi anni tra di loro.Ho ascoltato un personaggio del mondo della musica:Raccontava che in queste parti,se muore un amico cristiano ,i suoi amici musulmani vanno in chiesa a pregare per lui.E se muore un amico musulmano ,i suoi amici cristiani vanno in moschea a compiere lo stesso gesto  umano .Sui vari siti ho letto  che  I monasteri cristiani delle isole vengono visitati ogni anno dai musulmani e  dai cristiani e che  ognuno in questo luogo prega secondo le proprie usanze.Ognuno rispetta le credenze dell'altro .E se non Ŕ credente, crederÓ pure lui in qualche cosa che avvolge con amore il suo cuore ...
                                        
                
       Si dice che gli abitanti delle isole  preferiscono di non mettere le attrezzature abbondanti nelle isole per non sciupare l'aspetto naturale delle spiagge e per evitare il grande flusso dei turisti.Hanno ragione ;perchŔ ,in effetti ,le isole essendo troppo piccole ,non reggerebbero al gran turismo.GiÓ oggi la popolazione delle isole cresce in modo incredibile nei giorni festivi dell'estate.Se nell'Isola grande d'inverno vivono 4200 persone,d'estate questo numero raggiunge 50.000 .A Burgazada  d'inverno ha solo 550 abitanti.D'estate 15000.Soprattutto la Isola Grande Ŕ pi¨ frequentata dai visitatori giornalieri  dei turisti stranieri ,dagli appassionati del picnic e del  tour che si fa  con le carrozzelle nella pineta e intorno all'Isola Grande ..Ma persino nei giorni pi¨ intensi dell'estate è possibile scoprire alcuni angolini nascosti tra le strade e nel bosco .
 
                                

   
     La prima sensazione che mi coglie in queste isole  la leggerezza,perchŔ mi sento pi¨ libera proprio in queste spiagge di ciotoli  . Ogni volta che nuotavo ,guardavo le coste asiatiche di Istanbul dove si trovava  la mia casa e mi dicevo"Grazie al cielo ,stasera non dormir˛ in nessun albergo .  Dormir˛ finalmente a casa mia."
   Ho visto tante belle spiagge nel mondo e in altre parti della Turchia.Ma quelle non erano mie.Ero un'inquilina di una casa o un cliente in un albergo di quelle spiagge.Prima o poi dovevo pagare il conto ed andarmene via.Quest'anno ,dopo tanto tempo ,finalmente una lunga vacanza a casa mia ,al mio mare che mi ha ritrovata ,mi ha accolta di nuovo come una volta.E ci siamo ritrovati.Il mio mare sembrava che non mi volesse da tanti anni.Quest'anno mi ha voluto.Il suo dolce e tenero vento mi ha accarezzato di nuovo il viso per dirmi che non mi ha mai dimenticata Finalmente un p˛ di serenitÓ mi ha invitato a dormire sul mio cuscino.E ogni mattina un voce dentro di me mi ha invitata ad aprire il sole.
                                                    
                                                                                                               
Isola Grande(Buyukada)

     Poi ad un tratto ti pu˛ capitare di scoprire un piccolo caffŔ sotti i pini,come un verde rifugio con i tavoli all'aperto.Oppure altri tavoli  vicini al porticciolo.In questi  posti  il tŔ viene servito ancora in modo tradizionale nei bicchierini sottili e stretti che sono caratteristici della Turchia..Le usanze sono semplici e modesti ,perchŔ  questo paradiso viene concesso  non solo ai benestanti ,ma anche ai poveri che vogliono godersi delle bellezze naturali.
                                                                                                
     I miei sogni erano sdraiati  nella dolce hamaca stesa sotto i pini..Io qui non mi domandavo pi¨ il perchŔ delle cose,degli eventi...Il perchŔ della mia realtÓ e del mondo.Il perchŔ del dolore e dei mutamenti.L'unico perchŔ nella mia mente era l'amore.Tornava  da me dentro una musica  e mi domandava  "perchŔ?" .E non sapevo  rispondere:
 
"Il perchŔ ...io non so...Ma ti amai .Io scaldai la tua mano.Tutto in noi si avver˛.Ma il perchŔ ...io non so.Tranquilla e lieta sei...Il primo sole Ŕ tuo.Stringimi Amore mio per amore .Guardami ...Due ladri gli occhi tuoi...Gli occhi belli tuoi.Ed il perchŔ non sai..Ed il perchŔ non so...Stringimi...Amore mio  per amore...Baciami..Ed il perchŔ non so...Il perchŔ non so...FinirÓ.Te ne andrai.Io mai pi¨ scalder˛ la tua mano...Ma il perchŔ non lo sai.Il perchŔ non lo so.Al nostro sole addio...Stringimi ..Amore mio per sempre..................................................................
 
Nedendir ...bilmem...Ama  sevmistim seni.Isitmistim elini.Hersey bizde geršek oldu:Ama nedenini ...blimiyorum.Sakin ve mutlusun...Ilk gunes senin.Saril bana...Sevgilim ask išin.Bak bana...Gozlerin iki hirsiz...Senin guzel gozlerin.Ve nedenini bilmiyorsun...Nedenini bilmiyorum...Saril bana..Sevgilim ask išin...Op beni..nedendir bilmiyorum...nedenini bilmiyorum...Bitecek.Gideceksin.Bense artik hiš isitamayacagim  senin elini..Ama nedenini bilmiyorsun.Nedenini bilmiyorum.Gunesimize elveda...Saril bana.Sevgilim ebediyen..............................................................................
 
                            Dall'album "I Ricordi del cuore   " IL PERCHE' NON SO ".
                            "I RICORDI DEL CUORE "plak albumunden  alinmis bu sarkinin ismi:Il PerchŔ non so (Nedendir bilmem)
                                                       Beste:AMEDEO MINGHI
 
                                         
Yenikoy (Un quartiere sul Bosforo)
   
Nelle isole e anche negli altri  quartieri di Istanbul  sembra che il benessere e la povertÓ si uniscano sulla stessa spiaggia.Spesso passano anche bellissime barche .Ma i benestanti delle isole del Principe hanno la semplicitÓ e la modestia e dimostrano la signorilitÓ nell'anima e nel cordiale comportamento.   Il piccolo bambino anatoliano  che ti vende i fazzolettini ,dopo lunga giornata di fatica e afa ,stanco,arriva alla spiaggia libera  e si tuffa nell'acqua.Ti guarda e ti saluta.Con un sorriso ti dice:"Ho fatto una lunga giornata ,abla",se sei una donna con un aspetto molto giovanile..In turco "Abla" significa "sorella maggiore".I bambini ,non conoscendo il nostri nomi, ci chiamano cosý.Abbiamo pi¨ anni di loro,ma siamo anche donne giovani e quindi siamo le loro sorelle maggiori.Esprime un leggero e delicato segno di rispetto che viene insegnato dagli adulti ai bambini .Se invece sei un uomo con un aspetto molto giovanile,i bambini ti chiameranno "Abi".Vuol dire "Fratello maggiore".PerchŔ secondo le usanze deve esserci sempre un rispetto nel linguaggio e nel gesto per  chi ha pi¨ anni di noi.PerchŔ gli anni significano  l'esperienza e la sapienza.
    Due passi pi¨ in lÓ una famiglia turca porta alla spiaggia un cocomero ,lo affetta e lo mangia.Alcuni si fermano nei caffŔ:Prendono il tŔ e le bevande e poi dalla borsa tirano fuori la roba da mangiare portata da casa.,perchŔ i portafogli dei turchi non sempre reggono ai prezzi dei ristoranti.Ma per loro forse tutto questo Ŕ anche una dolce abitudine a cui non vogliono rinunciare.Ma le loro case ,ricche o modeste sono tutte bellissime,curate con gusto.Le tende bianchissime di pizzo,le finestre bellissime,i balconcini che fanno sognare e i giardini pieni di tantissimi specie di fiori...Fiori..fiori..fiori..dappertutto un paradiso.
                                                                                                                                             
 

        E le foglie fioriscono nei dolci occhi di Merve,una bambina di nove anni che incontrai al mare.Ogni giorno nuotava insieme a me..Un giorno mi si avvicin˛ quando ero nell'acqua e mi chiam˛.Mi chiamava pure lei "Abla" (sorella maggiore),e mi diceva"Abla,tienimi la mano.Oggi ho paura ,le onde mi vengono addosso".Poi mi diceva spesso"Abla,guardami come sto nuotando!".Merve non aveva mai visto suo padre .L'aveva perduto in un incidente stradale,quando la sua mamma era ancora incinta.Quando era nata ,il padre giÓ non c'era pi¨.Oggi vive con la madre,come figlia unica.Il destino di tanti bambini Ŕ cosý.Pure io ,da bambina,avendo perso il padre in un incidente stradale ed essendo figlia unica ,mi meravigliai anche di questa strana coincidenza,dei due destini di due figlie che s'incontravano in mezzo al mare.
 
      Merve,tu ami il mare e tra qualche anno nuoterai come un pesce.Forse diventerai una campionessa nel nuoto.Diventerai una ragazza  con meravigliosi occhi  verdi come due chicchi d'uva.Ma non abbandonare mai la tua isola,bambina mia..Sei la piccola onda di questo mare che Ŕ tuo e ascolta le migliori musiche del mondo in questa isola ,ma non lasciarla mai!!!
 
                                                                                                                 
 
Il gabbiano sul mare dell'Isola Kinali

   
     Pur  rispettando la scelta che  ogni giovane e di ogni adulto fa per sŔ,vorrei che almeno la generazione di Merve fosse diversa dalle nostre e che non abbandonasse pi¨ questi posti.Molti giovani intorno ai venti anni  vanno via dalla Turchia.Sono i ragazzi e le ragazze di buone famiglie .Dopo aver ricevuto le meravigliose istruzioni dai conservatori,dai collegi americani,inglesi o francesi,dalle universitÓ pi¨ prestigiose ,dopo aver imparato tre o quattro lingue straniere ,vengono contagiate dalle solite curiositÓ di andare a fare una specializzazione nei paesi esteri,soprattutto in Stati Uniti o in Inghilterra..Ma poi non tornano pi¨..E  in quei paesi perdono tutte le loro qualitÓ acquisite dai loro studi e finiscono nei lavori duri o pesanti che non corrispondono alle loro caratteristiche e alla loro natura.Anche se parlano a volte quattro lingue straniere trovano nel loro cammino poche persone che possano capire il loro linguaggio che copre le culture miste di cinque secoli e il loro cuore che ancora batte per i loro ideali..La loro strada diventa doppiamente difficile.Alcuni di loro  soffrono  anche  per la perditÓ della loro identitÓ.E solo alcuni fortunati cadono nei terreni fertili e incontrando la brava gente che li accoglie come si deve e che li comprende   .Allora  riescono  a sollevarsi e dare i frutti delle loro capacitÓ .. 
     La Turchia ha perduto cosý i suoi figli pi¨ preziosi per anni e anni . Le nostre generazioni sono state quelle viaggianti,e a volte quelle disperse..Ma  le condizioni  ci spingevano ad andar via.In quei tempi  noi i giovani non avevamo i caffŔ  cosý belli come ora  ci sono in queste parti..In quelli anni ,mentre stavo lasciando questo mare ,per un p˛ di tempo non si trov˛  nemmeno il caffŔ nei negozi della Turchia per la causa di una forte crisi economica..Ora Ŕ tutto cambiato in meglio.
     Ora ,Merve,almeno tu...guarda quanti bei caffŔ hai nella tua cittÓ...!!! .E hai tante specie di caffŔ in tante quantitÓ...Guarda questo caffŔ dove ,di sera, suona anche la musica del jazz...!  Io vorrei che almeno tu apprezzassi  quello che hai  e che non lasciassi  quei posti che hanno finalmente aperto le loro braccia  a te  ,perchŔ il sole illuminasse il tuo viso e la tua strada fosse  aperta...!!!
Vorrei che almeno tu applicassi  qui  in questo paese tutto ci˛ che imparerai,facendolo  crescere.
                                                                                                   
  UN  CAFFE'   SUL  BOSFORO -ISTANBUL

 L'amore e la pace sia con te cara Merve.Tu mi regalasti un gelato delizioso quel giorno.Non lo dimenticher˛ mai;perchŔ era un segno di amicizia e di fratellanza  tra noi..Ti auguro una splendida vita che ti possa dare tutto l'amore che vorrai.E ti regalo una canzone di Amedeo Minghi che ascolterai quando sarai  pi¨ grande ,quando arriveranno i tuoi giorni di grande amore .Si chiama " SOTTOMARINO"E' una canzone italianissima che racconta un momento importante della sua storia .Esprime i sentimenti di qualcuno che ama il suo mare e che deve lasciarlo per andare lontano.Ma Ŕ una canzone che ha un sapore universale.Pu˛ essere ascoltata su ogni mare .Ha una tale poesia che anche quando la traduco in turco ,non perde nulla di sŔ.Crea la poesia anche nella nostra lingua.Il nostro popolo ama le canzoni d'amore e la poesia..Coloro che sanno cosa vuol dire veramente la  buona musica,cercano le canzoni d'amore.E le canzoni d'amore cercano sempre coloro che amano la buona musica. .E vengono da sŔ a trovarci ,come  i teneri passerottini che si posano davanti alle nostre finestre.Un giorno l'amore e la canzone si incontrano nel passar di un treno .Sali anche tu su quel treno e non scendere mai....Merve..!Forse un giorno anche tu capirai:.Va ad alta velocitÓ  verso l'ignoto..E tu  viaggia nella musica ,scegliendo la via del candore,l'amore e la vera passione  per essa...! Non esistono le sfumature nel candore.Non esiste una via di mezzo.La musica Ŕ cosý,Ŕ un candore.  Almeno nel nostro paese cosý entra nell'anima.
     In certi momenti Ŕ difficile dire "arrivederci".E' meglio andar via come se si dovesse  tornare il giorno dopo ,come tutti i giorni in quella spiaggia;perchŔ quella spiaggia Ŕ nostra per sempre .Se tutte  e due siamo legate a quel mare come due sorelle ,prima o poi ci ritorneremo e ci rincontreremo.Non esistono gli addii per coloro che amano veramente lo stesso mare e la stessa musica .Non si pu˛ separare dal mare e dalla musica ,Merve.Lo capirai anche tu un giorno.
                                                   
                    SOTTOMARINO
Quante stelle stanno al mare                                                     Ne kadar yildiz var denizde!
come il cielo al profondo ,al blu                                                Gokyuzu derinliklerde,mavide 
La risacca alle tue gonne,                                                           šarpan dalga senin eteklerinde
L'orizzonte lo sguardo mio                                                         Ufuklar benim bakislarim
ma la luna Ŕ argento qui                                                               Ama ay  gumusten burada
alle tue caviglie l'argento della schiuma                                  kopuklerin gumusu senin bileklerinde
mare d'amore sopra di me .Ondina mia                                    Uzerimde bir sevgi denizi.Minik dalga
Mare di ferro sopra di me.Ondina mia                                      Uzerimde demirden bir deniz.Minik dalga
E quante miglia nel mio cuore                                                    Išimde kaš mil uzaklik
un abisso,una burrasca                                                               Bir ušurum,bir firtina
tutte le conchiglie del mare                                                         denizin tum midyeleri
strette all'anima mia,                                                                      ruhuma sarilip sokulmus
ma le perle e i rami di corallo                                                       ama inciler ve mercan dallari
collane che io lego per te                                                             senin išin bagladigim kolyeler
mare a questa spiaggia                                                                 bu sahilde deniz
quante onde all'amore                                                                   nice dalgalar sevgide
e che stella all'orizzonte                                                               ve ufukta ne yildiz!
 
                                                                                                                    
Una stella accende il mare.Ondina                                           Bir yildiz denizi yakar.Minik dalga
buongiorno perchŔ il tuo cielo Ŕ blu                                         gunaydin šunku gokyuzun mavi
ma la schiuma sui miei sogni                                                     ama kopukler  ruyalarimda
e il mare tra il coraggio e te;                                                       ve deniz sen ve cesaret arasinda
quanti cuori sotto il mare                                                             nice kalpler denizin altinda
Ŕ tempo di partire per me,                                                           benim išinse  yola šikma zamani
Ŕ tempo di affondare                                                                    dalis  zamani
Ŕ tempo di cacciare                                                                       ava šikis zamani
Ondina dimmi, dimmi                                                                    Minik dalga soyle bana ,soyle bana
quante navi stanno in mare                                                        kaš tane gemi var denizde
se il sottomarino                                                                            denizalti
le dovrÓ colpire .                                                                             vuracak mi  onlari?
                                                                
Se la risacca Ŕ di ferro .Ondina,                                                  Eger šarpan dalga demirdense,kušuk dalga 
torner˛ a questa spiaggia,                                                           donecegim yine bu sahile
sopra questo mare,                                                                        bu denizin uzerine
mare d'amore ,sopra di me .Ondina mia                                   sevgi dolu bir deniz ,uzerimde,minik dalga
                                                                                      
                                                                                                                Sarkinin ismi "SOTTOMARINO
                                                                                           Beste :AMEDEO MINGHI
                                                                                            Albumun ismi NENE'
                                                                                                                     
Le osterie e i bar sull'Isola Burgazada       

   E torno a te  ....mio anonimo lettore che leggi  ancora  fedelmente le mie righe  ! Ti sono grata per la tua  silenziosa fedeltÓ.
 
    Nei ristoranti , secondo le usanze , arrivano  grandi vassoi  di antipasti fino al tavolo.Guardandoli tutti ,si sceglie   quello che si vuole .Sono i piatti di frutti di mare e di verdure e in genere sono le specialitÓ turche e greche.  Di notte i caffŔ sono molto silenziosi e in qualche bar si sente solo la musica soft.. I semplici ristoranti o le osterie tipiche che con un servizio eccellente,raffinato ,pulito ma modesto fanno tutto il possibile per accontentare anche le richieste dei piatti pi¨ impensabili.E' ben notabile la ottima accoglienza piena di finezza ,sorriso,educazione e rispetto per il cliente in questi posti. Le onde quasi lambiscono i  tavoli in alcuni ristoranti ,ma attenzione , se viene un'onda grossa da un aliscafo che passa dalle vicinanze pu˛ anche bagnarti  un p˛...!  Un lume di candela  trascina la notte in un'altra dimensione.Qualche gattino si appoggia spesso le zampine sui miei ginocchi per chiedermi  un p˛ di mangiare.Bellissimi gatti bianchi con occhi chiari. Qualche gabbiano passeggia nelle vicinanze dei tavoli  o vola sopra le barchette che dondolano davanti alle osterie .Non solo i ristoranti delle Isole ,ma anche quelli di  Istanbul sono i meravigliosi angoli del romanticismo sul mare.
                                     
    

      In Turchia ,come usanza,iniziano a una cena con una fetta di melone accompagnata dal formaggio bianco che Ŕ molto simile alla caratteristica feta greca .Poi continuano con gli antipasti caldi e freddi che sono varie specialitÓ del luogo..Tra gli antipasti Ŕ buonissimo il pesce essiccato ,detto "Ciroz" che viene poi condito con l'olio,l'aceto e l'aneto fresco.E poi Ŕ delizioso un antipasto che si fa con le foglie di vite ripiene di riso,pinoli,uvetta.Tra gli antipasti caldi Ŕ ottimo "Borek"fatto con la pasta a sfoglia e con un ripieno di  formaggio bianco .C'Ŕ chi lo fa anche con i gamberetti. Tutti questi  antipasti arrivano  tutti insieme al tavolo .Sono come i vari assaggi .I turchi mangiano molto lentamente e con calma.Si trattengono a lungo nei ristoranti.Per loro questo Ŕ anche una forma di relax,un riposo..Le conversazioni durano a lungo.L'ambiente ,in genere Ŕ molto silenzioso.E dopo arrivano le insalate e i piatti di carne o pesce a scelta.E' famoso il pesce  detto "Palamitta" che diventa abbondante in settembre.Sono buonissime le polpettine di carne rossa alla griglia che si possono mangiare in ogni luogo e in tutte le ore della giornata che contengono le spezie speciali e profumate che si trovano solo in Turchia,.in ogni luogo e in tutte le ore della giornata .Se lo vuoi ,te lo possono portare e servire sotto l'ombrellone in modo pulito e raffinato,anche nei luoghi pi¨ modesti e semplici.C'Ŕ un ottimo vino turco.E la cena si conclude con i dolci turchi oppure con gli abbondanti piatti di frutta che ,spesso vengono offerti dai ristoranti.Poi ti chiedono sempre se gradisci  un o un caffŔ ...In queste osterie si spende molto meno di quanto si spende nei ristoranti della cittÓ di Istanbul e delle cittÓ di altri paesi dell' Europa .Poi qualche volta ti pu˛ capitare anche qualche spettacolo che ti dÓ l'occasione di sentire dal vivo la musica turca classica .Ma io preferisco anche il silenzio dei caffŔ del porticciolo , il panorama notturno delle coste di Istanbul  e dei battelli che vengono e partono con le loro danze  luminose  sullo  specchio nero.
 
           E i grandi gabbiani dell'isola sono quasi addomesticati...A volte  ,camminando entrano persino nei giardini delle case .Sulla riva passeggiano pure loro insieme a te.Afferrano con il becco i grandi gusci dei molluschi lasciati sulla spiaggia dalle onde.Poi prendono il volo e lasciano cadere il guscio dall'alto sull'asfalto per romperlo.Quando si rompe il guscio mangiano la polpa del mollusco che viene fuori.. I gabbiani sono liberi ed intelligentissimi.Tornano da sŔ se vogliono tornare e perci˛ mi piacciono.E quanta festa fanno quando ti vedono arrivare..!Spesso vengono a trovarti  nei bar e nei ristoranti ,avvicinandosi al  tuo tavolo  se capiscono che sei un amico.Cala una strana malinconia nei loro occhi quando devi partire,anche se girano altrove i loro sguardi per non fartela capire..Ti corrono a lungo dietro la tua nave con intense grida,come se volessero dirti"Torna presto,arrivederci".
                                                                                                                         
Il gabbiano

       L'8 settembre 2003.Oggi la separazione sta di fronte a me.Si Ŕ giÓ installata tra i ciotoli e i sassi della spiaggia di Kinaliada  per diventare come un sasso e colpire il mio cuore.La separazione vola in alto e si mescola  in una canzone .Oggi il mare si Ŕ fatto pi¨ limpido ed Ŕ  ghiacciante il suo cuore,come lo si fa il giorno prima della mia partenza.E come un ultimo saluto si fa bello il mio mare .Si apre bene i suoi occhi limpidi e diventa pi¨ invitante come un innamorato che gioca la sua ultima fortuna per  trattenermi con se.PerchŔ  ti fai  cosý bello se dobbiamo lasciarci ,caro mare?
    Oggi il mare Ŕ una lacrima fredda e i  miei occhi hanno bisogno del mare per piangere...
 
                                                                   Il battello ha lasciato l'isola e il vento si Ŕ fatto pi¨ tagliente nel cuore.
                                                                                                           
  Il battello ritorna ad Istanbul

       Anche le luci del Bosforo mi sono apparse stasera tra le rose in color albicocca.E'passata una barca ,sembrava una sposa dorata e aveva i tavoli pieni di lumini.Un vento di addio mi sta accarezzando come sempre teneramente il viso...
 Passa una barca da vicino. I viaggiatori stanno cenando in barca...Alzano un bicchiere di vino e  salutano la loro terra e anche me che sto cenando in un balconcino sulla riva   :"Alla salute ...!".
 
                                                                 
Istanbul al tramonto
                                                                                                         
                                             
Un quartiere storico e molto animato del Bosforo:Ortakoy

      Ora sei cosý bello Bosforo...sei pieno di abbondanza ....Sei pieno di sorriso e delicatezza...Sei stato sempre bellissimo,io  lo sapevo giÓ;ma non me ne accorgevo cosý tanto come  ora  ..In quei giorni ero troppo giovane , e tu non mi sembravi cosý fiorita e cosý dorata Marmara...Sei come una madre.
      Ora sembri un bel principe  notturno ...Istanbul.Non mi eri mai apparso cosý bello ,mio mare...Non ti avevo mai amato come ora ,stanotte...Ora che sto per ripartire ti voglio cosý bene ,mio  mare...

  AL   MAR  DI  MARMARA
 
    Tenesti nel tuo grembo
    i tuoi quindici milioni figli,
    Marmara  .
   Invece  lasciasti andare me  .
   Come una goccia scivolai
   dalle tue celesti mani 
   e fui  la esile farfalla che vol˛ ,
   verso il Mediterraneo.
   PerchŔ capivi che io amavo
   la tua orizzonte,
   il tuo desiderio di libertÓ ...
   Capivi che io non volevo vederti ferma ,
    nebbiosa e malinconica.
  "No"...mi dicevo"Occhi tristi no" .
  Volevo quel tuo tortuoso cammino da Dardanelli in gi¨
  verso il mare aperto.
   Eri un mare piccolo ,romantico con piccoli delfini.
  Mia Marmara .
  Mi apparivi in quei tempi come un fiore decorativo
   che esiste sempre sulla scena della vita.
  Mi dicevo "tanto lei c'Ŕ sempre come una madre .
   Lei  sta lÓ ad aspettarmi.
  Lei suonerÓ  sempre per me
  la stessa musica,
  che io mai perder˛.
  Mai perder˛  i miei poeti."
  Non perdetti la mia musica
  Non perdetti  i miei poeti,
  ma  perdetti  te
  Marmara.
                                                                                         Muge

   Ma in ogni strano giro del destino ,in ogni sentiero che corre verso una direzione opposta a quella preferita dagli altri esiste sempre un bene ,un tesoro.Se non ti avessi lasciato ,se non avessi rinunciato al tuo amore,mio mare....non avrei trovato altri tesori..Non avrei visto le opere d'arte ,il mondo..i teatri ...
                                            
    E soprattutto te ,Amedeo,non avrei mai visto te e non avrei forse mai potuto seguire un tuo spettacolo dal vivo,se non avessi lasciato la mia patria,il mio mare .Ecco ...alla fine di ogni scelta tormentosa,dopo ogni rinuncia e dopo ogni mare da cui ci si separa,esiste sempre un'altra  luce che si incontra.In tutto sempre esiste un motivo.Tante volte mi domandai a che cosa servirono i miei lunghi anni di studio...A che cosa servý se studiai fino all'alba per l'Italia?E come finý la mia vita e perchŔ?Ma ora trovo la risposta:Dieci anni di musica nei tuoi teatri pi¨ belli ...Ecco.... alla fine mi aspettava questa meravigliosa sorte.E non vorrei mai perderla.E rifarei quei dieci anni ,rivivendo ogni suo attimo bello e sofferente con il suo bene e con il suo dolore. 
                                                                                                          
 
  Che dire?Ci˛ che c'Ŕ in Italia ,non c'Ŕ in Turchia.E ci˛ che c'Ŕ in Turchia ,non c'Ŕ in Italia.: Ma qui sulle mie pagine c'Ŕ l'Italia e la Turchia insieme.La mia Marmara mi scelse come la figlia dell'orizzonte...Come una nuvola senza confine.
 
   Quando rivedo il viso di Amedeo ,come il viso di un amico,tra le   cornici dorate  di un palcoscenico teatrale ,quando rivedo le torri e le cupole di una cittÓ d'arte dove  un treno confortevole di alta velocitÓ mi porta e quando rientro nella mia cittÓ d'arte ,quando guardo l'Arno della mia cittÓ dietro i tavolini illuminati dalle candele di un 'osteria,dico semplicemente "Grazie Italia".    
                                                                                                                                                                           
 
GRAZIE  FIRENZE- ( Piazza Signoria)

                                                                                                                 
      E quando le isole mi accolgono come la principessa dei loro tempi antichi nei loro angolini pi¨ belli ,quando mi siedo nel mio balconcino di Istanbul  a salutare il primo sole del mattino ,quando ascolto la musica di Amedeo nel battello che dondola sui  miei sogni di mare e finalmente quando passo con la macchina dal ponte del Bosforo ,abbracciando  con un unico sguardo dall'alto almeno per qualche sera il panoramico notturno dei suoi tesori sparsi  sulla sua costa europea ed asiatica ,dico"Grazie Istanbul".
                     
                                                           
                                                                                                                                                                                              
Santa Sofia  al tramonto - ISTANBUL

       Marmara
       ti direi
      non chiederti pi¨
      che cosa ha avuto tua figlia  !
      Non pensare al sole,
      al mare,
      e alla vita che
      avrei potuto vivere in te ! 
      Non pensare  ai  beni  che
      perdetti.!
      E come in fondo al tuo cuore,
      cosý sta nella mia radiositÓ.
      L'oro...
                                                                     Marmara
                                                                     derdim ki sana
                                                                     kizinin ne gešti eline diye
                                                                     sorma
                                                                     dusunme gunesi
                                                                     denizi
                                                                     sende yasayabilecegim
                                                                     hayati
                                                                     Dusunme  kaybettigim
                                                                     nimetleri
                                                                     kalbinin derinligindeki gibi
                                                                     isiltimdadir
                                                                     altin
                                                                                                                                            Muge

         Una volta ,tu,Isola ,eri  un luogo di esilio.Tanti principi e principesse,imperatori e imperatrici consumarono  la loro sopravvivenza in te.Invece ora ,i continenti sembrano i luoghi di esilio per gli abitanti.Siamo esiliati ,senza capire ,nel materialismo ,nell'inquinamento e nel consumismo.Piccola Isola,tu  espelli e mandi in esilio gli elementi e i componenti  che non sono  pi¨  le figurine adatte al mosaico della tua delicata esistenza ,al disegno delle tue stelle e allo sguardo dei tuoi inafferrabili occhi .
       Io e te non potremo mai unirci ,Isola. Io ti cercher˛ sempre in mezzo al mare della vita;perchŔ io sono una cittadina del  continente.Ma ti voglio bene come la stella lontana che mi vuole e che non mi dice quando.Ora la mia vita Ŕ qui nel continente.

                                                             
Ricordo strade diverse da qui                                                               Buradan farkli yollar animsiyorum
Ricordo voci che non ci sono pi¨                                                        Artik  var olmayan sesler
Passava in fretta la nostra giovent¨.                                                   Genšligimiz gešiyordu aceleyle
Altri ragazzi fuggivano                                                                             Kašip  gidiyorlardi diger genšler
e spesso non tornavano pi¨ qui.                                                           Ve artik buralara donmuyorlardi.
E da ragazzo cullavo un'idea                                                                 Delikanlilik šagimda bir fikrin besigini sallardim
che libertÓ fosse solo andare via                                                           Ozgurluk šekip gitmekmis sanirdim
Erano fiori i pensieri nati qui.                                                                  Burada dogan šišekler ve dusuncelerdi.
Io non potevo distruggerli                                                                       Ben onlari yikamazdim
in un istante ucciderli cosý.                                                                      Boyle tuketemezdim onlari bir anda.
Ma la mia vita non Ŕ un isola                                                                    Ama hayatim bir ada degil
C'Ŕ bisogno anche di me                                                                          Bana da ihtiyaš var
Vorrei                                                                                                             Isterdim
anche qui                                                                                                      Burada da
libertÓ.                                                                                                            Ozgur olmayi
E libertÓ non Ŕ solo un'idea                                                                     Ve ozgurluk  yanlizca bir fikir degil
guardo stupito chi dice ,che Ŕ giÓ mia.                                                 šoktan beri benimdir diyene sasip bakarim
Penso ai ragazzi che sono andati via                                                   Giden genšleri dusunurum
E tutto il mondo Ŕ una fabbrica                                                               Bir fabrikadir tum dunya
e gli uomini parlano                                                                                    Ve insanlar konusur
non possono confondere                                                                         Karistiramazlar
nascondere la nostra libertÓ.                                                                    Gizleyemezler ozgurlugumuzu.
                                                                                                             
.........................................                                                                               ...........................................
"ISOLA "  dall'Album "NENE'''                   "ISOLA sarkisi  NENE'isimli   albumden alinmistir.                                                         
                                                   AMEDEO MINGHI' nin bir bestesidir.
 
                                                                                                                               
Arrivederci al gabbiano (Isole del Principe)
    Ora sei rimasta dietro le vetrate di un aeroporto,Isola .Sorridi gioiosamente da lontano .Forse stai sempre danzando con i tuoi gabbiani e ti godi della  tua libertÓ soleggiata. Deridi tutto quello che ci consuma lentamente.Ma non riesco pi¨ a vedere le tue piccole onde.I tuoi gabbiani non passano da queste parti..I gabbiani non amano i confini.Ora c'Ŕ una frontiera tra noi.Anzi da stamani mi sembra di essere passato forse da dieci frontiere  tra l'aeroporto di Istanbul e quello di Roma..Eccoci di nuovo i veicoli a motore.Scendo dalla carrozzella dei sogni e  salgo su un aereo che luccica come un tubo  flourescente nella realtÓ , tra gli sportelli,la burocrazia  ,i documenti ,le solite code ,i controlli di sicurezza interminabili ,i timbri e i ritardi.

                              
                                                          Il tempo Ŕ ritornato
                                                          a portarmi via da qui,Isola.
                                                          Il tuo mare si Ŕ fatto perlaceo.
                                                          E' il tuo colore auttunnale
                                                          simile  alle tue pene.
                                                          Quando tu assumi queste inafferrabili sfumature ,
                                                          quando mi guardi con occhi malinconici 
                                                          Ŕ meglio lasciarti al riposo.
                                                          I tuoi fiori serali lasciano cadere i loro semi.
                                                          E' il tempo di ritornare.
                                                                                                                 Zaman dondu geriye
                                                                                                                 done done beni goturmeye,kušuk ada
                                                                                                                 denizin sedeflesti
                                                                                                                  sonbahar rengin gibi
                                                                                                                  bu yakalanamaz izdirabin gibi ince
                                                                                                                  tonlara girince
                                                                                                                  bana huzunlu gozlerinle bakinca
                                                                                                                   seni dinleme terketmek daha iyi
                                                                                                                   aksam  šišeklerin serpiyor yerlere tohumlarini
                                                                                                                   zaman donus zamani.
                                                                   Muge
                                                          
 

                                                                           
      Isola sei felice;perchŔ sei  senza frontiera ;sei felice di vivere insieme al figlio del pescatore emigrato dal Mar Nero oppure di vedere il sorriso della  signora di Salonicco.Tu sei riuscita ad unire in armonia le lingue e le culture,anche le musiche.Mi ricordo delle tue parole ,Isola,mi dicevi "Torna anche d'inverno,teniamo sempre aperto i ristoranti.Se non ci fossimo noi,queste  acque si annerirebbero".Hai ragione ,Isola, ,tu sei luce e cultura...Sei l'anima e il futuro,con bei ristorancini ,con lumini accesi , con i tavoli fioriti e con le tue case simili a quelle delle  favole.
     Merve ,forse tu potrai vedere un mondo migliore ,un mondo con meno frontiere e con pi¨ gelati,con pi¨ dolci .In quel mondo la tua musica turca si unirÓ con l'armonia ,con l'amicizia ,con la fratellanza ad altre musiche.Prenderete  le migliori musiche da ogni parte del mondo.E forse potrete  unirvi  intorno agli stessi tavoli  fioriti  con lumini accesi.Io non lo potr˛ vedere ,ma tu forse.... sý.
                                                                                                             
Il quartiere Ortakoy  sul Bosforo-Istanbul

 
Cala lo sipario davanti al finestrino del mio aereo e l'isola scompare come se la mano di un tecnico gigantesco ed invisibile avesse tolto ad un tratto le proiezioni dal palcoscenico ,mentre ci godevamo di belle immagini di mare durante il concerto di Amedeo..Tutto viene inghiottita dalle nuvole. Mi chiudo gli occhi e mi vedo ancora: Sto a prendere il tŔ nel pontile    del battello oppure nei balconcini delle case di legno . Passano ancora tra le nuvole i deliziosi caffŔ di Istanbul come i simboli degli attimi di serenitÓ..
                                                                                        
  Gli  ultimi  bei particolari che riesco ancora a notare dal finestrino dell'aereo sono i balconcini delle case.I balconcini che sono i simboli dei nidi e che hanno condiviso i miei attimi serenitÓ in una vita famigliare del passato. Una signora con un dolce sorriso mi porta ancora un bicchierino di tŔ denso e profumato, insieme ad un  piatto pieno dei  ciambellini al sesamo  che i turchi chiamano "Simit", e anche i salatini e i dolciumi turchi..La mia vecchia Marmara sta prendendo il suo tŔ a quell'ora,facendo riposare  la sua gamba che ogni giorno ,con fatica,cerca di camminare ed andare avanti.. Con piccoli passi va avanti...Ma sempre avanti...Mai indietro...! Guarda con occhi angosciosi fuori e pensa a me.Mi domanda "Ci saranno di nuovo quei bei giorni tra noi..?"Sý ...ma passeranno  lunghi mesi ,Marmara." 
                                                                                               
                                                   Ecco ce ne andiamo come siamo venuti
                                                       Arrivederci fratello mare.
 ARRIVEDERCI   ISTANBUL
Il tramonto ad Istanbul vista dalle acque del quartiere di Bostanci

                                                                                                                       
                                                                               LE FOGLIE CADUTE DA UN'ESTATE
                                                                                                LE CANZONI
                                                                                                 ISOLA
                                                                                                    FINE               
                                                                               Muge
 
  
LE  FOTO DI QUESTA PAGINA:
Le foto di  Amedeo Minghi sono state gentilmente concesse da Davide Pellegrino al quale ringrazio di cuore .
    la foto di Amedeo con la sigaretta appartiene alle pubblicazioni di Music Show.
 
Le seguenti foto sono state scattate da me durante il mio viaggio ad Istanbul nei mesi agosto-settembre 2003:
  La foto iniziale della pagina (Burgazada),Cumba (la casa antica con le finestre dette giumba),La pineta con l'hamaca,La terrazza del Palazzo Ciragan sul Bosforo,La barca allegra al tramonto,La barca allegra nell'Isola Kinaliada,La spiaggia dell'isola Kinaliada,I fiori "Il piacere della sera",I  fiori del mio giardino di Istanbul,La casa antica in legno che porta lo stile ottomano,Una strada sulle isole,Il gabbiano sul mare dell'Isola Kinaliada,Un caffŔ sul Bosforo,la  foto delle osterie e dei bars in Burgazada,Il battello ritorna ad Istanbul,Il ritorno.
Le due piccolissime foto di Istanbul che accompagnano la poesia di Kavafis :Dal sito www.tvitamini.comw www.tvitamini.com
Le tre foto delle grandi ville in legno che accompagnano la canzone "Serenata",Il gabbiano,Arrivederci gabbiano e la foto del ramo primaverile che accompagna le canzoni di Yesari Asim Arsoy sono dal:www.redacservices.fr
Le due foto delle carrozzelle trainate dai cavalli:Da Vivere felici 1 e 2 di Alessandro Cagliatti.
Le foto di Istanbul al tramonto, Santa Sofia al tramonto:Webshots Gallery
La foto di Firenze:Arti grafiche Barlocchi-Settimo M.Editrice millenium
La piccola foto di tramonto sulle isole ,intitolata "Serenata "che accompagna la famosa canzone :cards.123greetings.com 
La foto di tramonto "I verdi pini "che accompagna le  canzoni  di Yesari Asim Arsoy:Cards.123greetings.com
La foto di un'isola di Istanbul  che accompagna la famosa canzone"Le verdi cattedrali della memoria" di Amedeo Minghi:cards.123greetings.com:
La foto della barca che accompagna la canzone "Sottomarino"Ŕ dai siti turchi.
La foto di mare e dei pini che accompagna la canzone di Amedeo "Le verdi cattedrali della memoria" e Tutte le altre foto delle isole e del Bosforo appartengono a :www.sihirlitur.com